La casa editrice

La Di Felice Edizioni, fondata nel 2010 da Valeria Di Felice, nasce con una grande vocazione per la poesia (suoi autori sono stati finalisti al Premio Camaiore e selezionati al Premio Viareggio), per poi aprirsi verso altri progetti editoriali che hanno a cuore la valorizzazione dell’attività letteraria e la promozione del confronto interculturale.

La politica editoriale presta molta attenzione all’attività di traduzione come strumento strategico per avvicinare culture, tessere relazioni e incoraggiare il confronto tra orizzonti conoscitivi diversi. In particolare, la casa editrice pubblica autori del Marocco, Egitto, Palestina, Siria, Libano.

Il 6 giugno 2015, la casa editrice ha firmato un protocollo di partenariato con la Fondation Club du livre au Maroc a Fes (Marocco). Il 13 marzo 2017, a Roma, nella sede diplomatica dell’Ambasciata palestinese, è stato firmato un protocollo d’intesa tra la Di Felice Edizioni, l’Ambasciata della Palestina e la Commissione Nazionale Palestinese per l’Istruzione, Cultura e della Scienza.

La Di Felice Edizioni vince il Premio Impresa Rosa d’Abruzzo nel 2012, il Premio all’Alto Merito Sociale dell’AICS e del Consolato di El Salvador nel 2013, il Premio Letterario Montefiore nel 2014, il Premio Il Vello d’Oro di Roccaraso nel 2015, il Premio Art Festival Spoleto Letteratura nel 2016.

Breve nota biografica dell’editrice

valeria 2013Valeria Di Felice (1984) è editrice e scrittrice. Nel 2010 fonda la Di Felice Edizioni con sede a Martinsicuro (Teramo), una casa editrice che vince il Premio Impresa Rosa d’Abruzzo nel 2012, il Premio dell’Editoria Abruzzese “Città di Roccamorice” e il Premio all’Alto Merito Sociale dell’AICS e del Consolato di El Salvador nel 2013, il Premio Letterario Montefiore nel 2014, il Premio Il Vello d’Oro di Roccaraso nel 2015, il Premio Art Festival Spoleto Letteratura nel 2016.

È ideatrice del Martinbook Festival, di cui ha curato le prime quattro edizioni, e del Premio Letterario Internazionale “Città di Martinsicuro”.

Dal 2012 è membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione Editori Abruzzesi.

Ha pubblicato il saggio Uomini tra realtà e immaterialità (2007), l’audiolibro Nudi abissi (2011) e le sillogi L’antiriva (2014), Attese (2016) e Il battente della felicità (2018). Le sue poesie sono state tradotte in arabo da Reddad Cherrati e in romeno da Geo Vasile e sono state pubblicate in Marocco (2012), negli Emirati Arabi (2015), in Romania (2016), in Palestina e Giordania (2017).

Nel 2016 ha curato l’antologia poetica La grande madre. Sessanta poeti contemporanei sulla Madre e nel 2017 la miscellanea di critica e poesia Alta sui gorghi.

Annunci