Fathi Hassan

fathi hassanFathi Hassan (1957 – il Cairo) nasce da famiglia nubiana. Il padre Hassan è sudanese, sua madre Fatma originaria di Toshka (Kom Ombo – Alto Egitto). Una grande inondazione trasforma interamente lo stile di vita familiare ed è grazie all’intervento dell’UNESCO che le zone distrutte vengono in parte risanate.

È la tradizione matriarcale di questa zona la fonte dalla quale si sviluppa la mentalità artistica di Fathi (Akkij).

Il Cairo è il luogo dove vivono la sua famiglia e i nonni: da proprietari terrieri benestanti diventano semplici lavoratori.

Una borsa di studio nel 1979 è l’occasione per accedere all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Nel 1988 è il primo artista africano presente alla sezione “Aperto 88”, Biennale di Venezia. È presente nella collezione del Metropolitan Museum of Art “Heilbrunn Timeline”.

Il lavoro di Fathi Hassan vive dentro un pensiero di “pittura-scrittura”: il pensiero nubiano orale si conserva e si tramanda nei suoi “contenitori di memoria”. Il deserto, il bianco e il silenzio divengono simboli e tracce dei suoi avi e della loro spiritualità. Nascono così opere come “contenitori” di memoria, sogni, luce, Angelo, Safir, Africa, e ancora una serie di lavori dedicati alle figure di santi, guerrieri neri, Madonne, foglie, mappe del mondo sacro.

Collabora con Benciv Art Gallery realizzando mostre in Italia e all’estero dal 2000.

Nel gennaio 2002 viene chiamato allo Smithsonian National Museum of African Art, Washington D.C., per un’installazione di scrittura murale all’interno del Museo, grazie all’interessamento di Mary Angela Scroth di Sala 1 (Roma) che lo segnala anche alla biennale di Dakar e alla Biennale Arte Sacra di Teramo.

Nel dicembre 2008 a Villa Pisani (Stra) Venezia è presente con un’antologica che racchiude vari momenti del percorso artistico.

Realizza scrittura e mostre nei musei di Beirut Center, Bluecoat (Liverpool) dal titolo “Arabicity”.

Una sua Personale dal titolo “Haram Aleikum”, curata da Rose Issa Projects, è presente presso il Leighton House Museum.

Le sue opere sono nella collezione permanente del Victoria & Albert Museum e il British Museum di Londra e nel Museo Nazionale di Arte Africana Smithsonian, Washington D.C., Farjam collections.

Attualmente lavora con “Rose Issa Projects” di Londra e vive tra le Marche, Londra ed Edimburgo.

Per la Di Felice Edizioni ha pubblicato Un africano caduto dal cielo (Collana «Fili d’erba», 2014).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...