Davide Argnani

argnani_davideDavide Argnani, nato il 4 giugno 1939 a S. Maria Nuova di Bertinoro (FC), dal 1953 vive a Forlì. Opere pubblicate poesia lineare: Ogni canto è finito (Todariana, Milano 1972), La città mugolante (Presentazione di Giorgio Bárberi Squarotti, Ed. Forum, Forlì 1975), Nulla su tutto meno uno (ricerca sulla scrittura murale – in collaborazione con Erio Sughi, Mdm, Forlì 1978), I lager fra noi (1978), Passante (Nuovo Ruolo, Forlì 1987), La casa delle parole (Prefazione di Roberto Roversi, Ed. Ellemme, Roma 1988), La festa degli alberi in collaborazione con Daniela Palmas (Ed. Pagine Lepine, Frosinone 1997); Stari Most (presentazione di Maurizio Pallante, testimonianza di Predrag Matvejević, illustrazioni di Dinko Glibo), versione in croato (Lucì zuvela), in tedesco (Francesca de Manzoni) e in inglese (George Peter Russell), (Ed. Campanotto, Udine 1998/1999).
Si interessa di poesia visiva e ha pubblicato: Pianeta spaccato (Presentazione di Eugenio Miccini, Ed. Campanotto, Udine 1982), Diàclasi beante (id. 1983). Sue opere sono riprodotte in vari cataloghi d’arte visiva e sono presenti in musei e centri di documentazione d’arte multimediale in Italia e all’estero. Ha curato opere monografiche
e antologiche: Poeti a dibattito – interviste con poeti, critici e scrittori italiani – (Quinta Generazione, Forlì 1978), AnnaUn poemetto per il bicentenario del poeta americano Irving Stettner, traduzione di E. Sughi (Forum 1979); Pelàsgi, poeti romagnoli in lingua, con G.R. Manzoni e introduzione di Valerio Magrelli (Ed. Maggioli, Rimini 1985); Motus e Ingranaggi – ricerca sulla poesia operaia, in collaborazione con Roberto Roversi (Edizioni Lavoro, Roma 1987-88).
Ha collaborato e collabora a varie riviste letterarie fra cui: «Fermenti», «Quinta Generazione», «Uomini e Libri», «Logos», «Prospetti», «Il Subbio», «Il Lettore di Provincia», «Stroker», «Galleria», «zeta», «Lettera», «Pianura», «Fiera», «Cartolaria», «Hortus», «Arenaria», «Porto Franco», «La Nuova Civiltà delle Macchine», «Astolfo», «Risvolti», «Gradiva»… Dal 1993 dirige la rivista letteraria «L’Ortica».
Della sua opera si sono interessati, fra i tanti, i seguenti critici: Giorgio Bárberi Squarotti, Roberto Roversi, Roberto Baruffini, Domenico Cara, Pietro Civitareale, Gilberto Finzi, Stefano Lanuzza, Mario Petrucciani, Alessandro Petruccelli, Lamberto Pignotti, Eugenio Miccini, Giannino di Lieto, Rolando Certa, Luciano Caruso, Mario Spinella, Renato Turci, Ferruccio Ulivi, Stefano Verdino, Giuseppe zagarrio, Aldo Vallone, Carlo Villa, Emanuele
Schembari, Giovanni Occhipinti, Alberto Mario Moriconi, Gianni D’Elia, Alberto Cappi, Benito La Mantia, Franco Verdi, Nelvia Di Monte, Luigi Fontanella, Graziella Englaro, Benito La Mantia, Silvia Cecchi.
Premi: “Mario Pannunzio” 1977, Torino; “E. Montale” 1987, Roma, finalista con l’opera Passante; con Stari Most Primo Premio assoluto “Caput Gauri” 1998, Codigoro, e “Nelle terre dei Pallavicino” 1999, Parma. “Metauro” 1999, Urbania di Pesaro, finalista con Stari
Most; “L. Montano” 1999, Verona, finalista con Stari Most. Testi da La casa delle parole e da Stari Most sono stati tradotti in ungherese, inglese, tedesco, croato e francese.
Per la poesia è stato invitato alla Fiera del Libro di Torino 2000, alla 49ª Biennale di Venezia 2001 e Ad Alta Voce – libri da condividere – promossa da CoopAdriatica, Bologna-Venezia 2002.

Per la Di Felice Edizioni ha pubblicato Musa fitta nell’azzurro (Collana «Il gabbiere», 2014)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...